->

COVID-19 protocolli

I-RECOVER Protocollo di gestione per il lungo raggio COVID-19 Sindrome (LHCS)

FLCCC-Protocollo-Logo-I-RECOVER

Il Long Haul COVID-19 La sindrome (LHCS) è una sindrome spesso debilitante caratterizzata da una moltitudine di sintomi come malessere prolungato, mal di testa, stanchezza generalizzata, difficoltà del sonno, disturbi dell'olfatto, diminuzione dell'appetito, dolori articolari, dispnea, dolore toracico e disfunzioni cognitive. L'incidenza dei sintomi dopo COVID-19 varia da un minimo del 10% a un massimo dell'80%. LHCS non si vede solo dopo il COVID-19 infezione ma è stata osservata in alcune persone che hanno ricevuto vaccini (probabilmente a causa dell'attivazione dei monociti da parte della proteina spike del vaccino). Una caratteristica sconcertante della sindrome LHCS è che non è prevista dalla gravità iniziale della malattia; inviare-COVID-19 colpisce frequentemente casi da lievi a moderati e giovani adulti che non hanno richiesto supporto respiratorio o terapia intensiva.

L'insieme dei sintomi della LHCS nella maggior parte dei casi è molto simile alla sindrome da risposta infiammatoria cronica (CIRS)/encefalomielite mialgica/sindrome da stanchezza cronica, sebbene nella LHCS i sintomi tendano a migliorare lentamente nella maggior parte dei casi. Inoltre, è stata osservata la somiglianza tra la sindrome di attivazione dei mastociti e LHCS e molti considerano post-COVID-19 essere una variante della sindrome di attivazione dei mastociti. LHCS è altamente eterogeneo e probabilmente deriva da una varietà di meccanismi patogenetici. Inoltre, è probabile che il trattamento ritardato (con ivermectina) nella fase sintomatica precoce determini un'elevata carica virale, che aumenta il rischio e la gravità dell'LHCS.

Sebbene numerosi rapporti descrivano l'epidemiologia e le caratteristiche cliniche dell'LHCS, gli studi che valutano le opzioni di trattamento sono palesemente scarsi. Infatti, la linea guida NICE per la gestione degli effetti a lungo termine di COVID-19 non forniscono raccomandazioni specifiche per il trattamento farmacologico.

Data la mancanza di raccomandazioni terapeutiche disponibili nel contesto di un gran numero di pazienti affetti da questo disturbo a livello globale, il FLCCC ha sviluppato il I-RECOVER protocollo in collaborazione con un numero di medici esperti tra cui il dott. Mobeen Syed, il dott. Ram Yogendra, il dott. Bruce Patterson e la dott.ssa Tina Peers. Sebbene i nostri approcci terapeutici vari ma spesso sovrapposti fossero inizialmente empirici, sebbene basati su indagini preliminari e sui meccanismi fisiopatologici teorici prevalenti dell'LHCS, le risposte cliniche costantemente positive osservate, spesso profonde e sostenute, hanno portato alla collaborazione per formare il protocollo di consenso di seguito. Come con tutti i protocolli FLCCC, dobbiamo sottolineare che molteplici aspetti del protocollo possono cambiare man mano che i dati scientifici e l'esperienza clinica in questa condizione si evolvono, quindi è importante controllare frequentemente o aderire all'alleanza FLCCC per ricevere la notifica di eventuali modifiche al protocollo.

I-RECOVER Protocollo

I-RECOVER Protocollo: versione 1, aggiornata il 16 giugno 2021